giovedì 26 novembre 2009

QUATRE QUARTS ALLE PERE E FAVE TONKA


Post al volo, giusto per non abbandonarvi per troppo tempo. Ieri c'è stata la presentazione ufficiale del libro di Leonard alla Feltrinelli, è stato un successone, bella atmosfera, interventi interessanti e un sacco di gente, di autografi e di copie firmate... e alla fine la fiaschetteria dove siamo andati a brindare c'ha regalato anche una bottiglia di Brunello... meglio di così non poteva andare ;) Domani si continua, con la seconda presentazione, o piuttosto un aperitivo per conoscere anche l'uomo oltre lo sportivo, per cui siamo super indaffaratissimi, come potete immaginare.
Questo è stato il dolce che ho fatto per la colazione il giorno del compleanno di Leonard la scorsa settimana... Finalmente anch'io posto qualcosa con queste fave tonka... una rivelazione. Da quando mia mamma me le ha portate dall'Austria (grazie mamma!!!) sono subito diventate tra le mie spezie preferite... hanno un odore divino che ogni volta che apro la credenza, mi fan venire voglia di usarle! Per questa scoperta devo davvero ringraziare anche il mondo dei foodblogger, che senza di voi chissà quanto ci avrei messo a scoprirle! Mariù, avevi ragione tu... sono superlative!

QUATRE QUARTS ALLE PERE E FAVE TONKA:

Pesare 3 uova col guscio
lo stesso peso in zucchero
lo stesso peso in farina
lo stesso peso in burro
1 fava tonka
1 cucchiaino di lievito per dolci
2 pere

Sbattere i tuorli con lo zucchero. Aggiungere la farina mescolata al lievito ed infine il burro fuso. Incorporare delicatamente i tre albumi montati a neve. Grattuggiare finemente la fava tonka nell'impasto e mescolare. Versare l'impasto in uno stampo foderato con carta da forno (bagnata e strizzata) e disporvi sopra le fettine di pera. Cuocere in forno preriscaldato a 150° per 45 min. ca.

14 commenti:

  1. Intanto complimentoni ed in bocca al lupo per domani...di questo dolce che dire...devo trovare queste fave tonka!! Fra tutti mi avete troppo incuriosita!!

    RispondiElimina
  2. Mai sentito parlare della fave tonka ! il dolce è bellissimo è merito loro ??:DDD

    RispondiElimina
  3. In bocca al lupo!!!Peccato non riuscire a trovare le fave tonka...così perdo una vera delizia!!!Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. gnam gnam gnam!!!!!
    complimenti!

    RispondiElimina
  5. questa fava tonka incuriosisce anche me. In Svizzera non ne ho mai sentito parlare, forse anche perchè non l'ho mai cercata.... Auguri per domani!

    RispondiElimina
  6. Tonka?!? mi ricorda il film "La fabbrica di cioccolato"
    ora vado su google e mi documento
    ciao

    RispondiElimina
  7. Ma come sono queste famose fave tonka?! una curiosità: quanto pesavano le tue uova con guscio? Io volevo fare un quatre quarts ma mi sono spaventata davanti alle possibili dosi di zucchero e burro ;)
    bravissima e in bocca al lupo per le presentazioni!

    RispondiElimina
  8. Fave tonka!?!? ma di cosa sanno!?!? bohhhh!!!! Complimentissimi per il libro!!!

    RispondiElimina
  9. Meno male che non mi sono persa questo post!! Libro di Leonard?? Scherzi?! Non sapevo nulla!
    Dove lo compro??? Voglio sapere tuttooooooo!!!
    Fantastica la fava tonka, visto? Una spezia che non è solo una sciccheria esotica ma che merita per davvero con quell'odore celestiale. E ne basta pochissima (anche mezza) per profumare un intero dolce.
    Ciao cara, in bocca al lupo a te e Leonard per le presentazioni e buon weekend!
    m.

    RispondiElimina
  10. vedi che dopo la tempesta arriva la quiete???per fortuna i giorni critici vengono spazzati via da cose positive....brindo con voi al successo deel libro con quel meraviglioso brunello!!!baci e complmenti per aver utilizzato ancora una volta un ingrediente nuovo e inusuale...baci

    RispondiElimina
  11. complimenti per il successo del libro!! mi hai fatto venir voglia di provarle queste fave tonka :-)
    Chissà dove posso trovarle...

    RispondiElimina
  12. La praticitá in persona questa storia dell'egual peso delle uova :-)
    A 'sto punto, le fave tonka devo trovarle pure io!!
    Buona giornata, Mik

    RispondiElimina
  13. Ecco,
    ti stavo per chiedere dove le avevi trovate a Firenze.. invece vengono da lontano!
    Ma la tua mamma ti ha rifornito di spezie, eh?? (anche il cardamomo, giusto?)

    RispondiElimina
  14. una torta che mi uncuriosisce molto

    RispondiElimina